press release

PraticaMente Avvocatura: l'appuntamento settimanale per prepararsi alla prova scrittaSmart working e tutela della privacyDivorzio: casa assegnata a ex moglie, canone di locazione all'ex maritoConciliazione Predittiva: il progetto di Buona Pratica per prevedere gli esitiLegge 104: ok al permesso dal lavoro per assistere il disabileScuola, pubblicate le Linee guida per settembreDifetti del bene venduto: entro 6 mesi da consegna si presumono già esistentiVideoriprese disposte da Pg su scale condominiali sono utilizzabiliComunicazione dei dati personali dei lavoratori ai sindacati e privacyGarante privacy belga stabilisce le condizioni per "invita un amico"Decreto sicurezza, incostituzionale negare iscrizione anagrafica a richiedenti asiloPareri e atti svolti: le tracce del successoDecreto Rilancio: primo via libera della Camera alla Legge di conversioneConcorsi pubblici: come accertare le competenze informaticheEsame di avvocato: le tracce degli ultimi 15 anniDichiarazioni reticenti? L’assicurazione può rifiutare pagamento dell’indennizzoCodice della Proprietà Industriale in PDFDiritto all’oblio, sì alla deindicizzazione ma rimane l'archivio giornalisticoPonte Morandi: legittima l'esclusione di Autostrade dalle opere di ricostruzioneProtezione dei dati personali e limiti alla comunicazione fra PaLa C.T.U. non è qualificabile come “fatto storico”Jobs Act, nuova pronuncia di incostituzionalitàOmessa dichiarazione: mandato al commercialista non salva il contribuenteEsamina avvocatura: la correzione è personalizzataBonus baby sitter: nuovi e maggiori importi anche a favore dei nonniMobilità elettrica: il bonus per bici e monopattiniSemplificazione e innovazione digitale: ok al decreto-leggeRiconoscimento del figlio: ci si può pentire ma con dei limitiLa violenza per fini educativi non è mai consentitaRevocatoria di contratto definitivo per persona da nominare: come valutare la scientia damniOrfani di crimini domestici: in Gazzetta il decreto con le misure di sostegnoAvvocato: se il cliente è la P.A., basta la procura?Espulsione dello straniero: rilevano legami familiari in ItaliaProcesso penale telematico: pubblicato il manuale per il depositoMarò: processo penale in Italia, e lo Stato deve pagare i danni cagionati in IndiaProtezione dei dati personali, profilazione e utilizzo dei Big Data: step 2ItaliaComeFare per la PA: soluzioni e servizi per gestire la ripartenzaTestamento olografo: precisati i limiti alla revocaRipartenza della Giustizia: la Fase 3Miglioramento della prestazione energetica degli edifici: al via le nuove regoleContratto d’opera con la Pa: occorre la forma scritta ad substantiamEstorsione e truffa aggravata: come distinguere le due fattispecieGiustizia: il 7 luglio riprendono le udienze della Consulta con gli avvocatiConcorso ACI: il bando per vari profiliDecreto Semplificazioni: il contenuto della bozzaDita nella portiera di auto in sosta, l'assicuratore del veicolo risarcisce?Ricorso straordinario per errore materiale o di fattoRuba su un balcone una gazza ladra: è furto in abitazioneTesto unico sulle espropriazioni per pubblica utilità 2020 in PDFVaccinazione non obbligatoria per l’epatite A: sì all'indennizzo

 Cassazione civile, Sez. Un., 05/07/2017, n. 16601 - Sulla risarcibilità del danno punitivo contemplato dalla sentenza straniera nell'ordinamento italiano

 

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione - con riferimento ad una sentenza di delibazione della Corte di appello di Venezia relativa ad una decisione di un Tribunale americano che aveva riconosciuto la responsabilità e l'obbligo del risarcimento del danno punitivo nei confronti di una soc. americana -  hanno formulato il seguente principio di diritto:«Nel vigente ordinamento, alla responsabilità civile non è assegnato solo il compito di restaurare la sfera patrimoniale del soggetto che ha subito la lesione, poiché sono interne al sistema la funzione di deterrenza e quella sanzionatoria del responsabile civile. 

Non è quindi ontologicamente incompatibile con l’ordinamento italiano l’istituto di origine statunitense dei risarcimenti punitivi. Il riconoscimento di una sentenza straniera che contenga una pronuncia di tal genere deve però corrispondere alla condizione che essa sia stata resa nell’ordinamento straniero su basi normative che garantiscano la tipicità delle ipotesi di condanna, la prevedibilità della stessa ed i limiti quantitativi, dovendosi avere riguardo, in sede di delibazione, unicamente agli effetti dell’atto straniero e alla loro compatibilità con l’ordine pubblico»

 

area riservata

login